Utilizziamo i cookie per abilitare e migliorare le funzionalita' del sito web, servire contenuti per voi piu' pertinenti. E' possibile rivedere la nostra privacy policy cliccando qui e la nostra cookie policy cliccando qui.
Se chiudi questo avviso, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per modificare le impostazioni dei cookies clicca qui



ultimo aggiornamento 13/07/2020 ore 14:56




pagina precedente

11 Febbraio 2020
Aqua Italia: la lotta all'inquinamento atmosferico passa anche dalle nostre case

scarica foto
comunicazione Aqua Italia

Aqua Italia: la lotta all'inquinamento atmosferico passa anche dalle nostre case

Ciascuno può fare la sua parte scegliendo di trattare l'acqua che utilizza ogni giorno

(Milano, 11 febbraio 2020) - Per AQUA ITALIA - l'Associazione Costruttori Trattamenti Acque Primarie federata ANIMA Confindustria - per migliorare le condizioni dell'aria che respiriamo è fondamentale sensibilizzare i cittadini ad attuare interventi di efficientamento energetico sugli impianti termici, che, insieme al traffico, costituiscono una delle principali fonti di emissione inquinante nelle città italiane.


Al fine di ridurre le emissioni di CO2 è importante verificare l'efficienza energetica degli impianti di riscaldamento, oltre alla pulizia periodica delle caldaie. Gli interventi di manutenzione sono controlli necessari perché, oltre a garantire la sicurezza degli ambienti domestici, riducono le emissioni degli inquinanti e favoriscono il risparmio energetico.


"Anche se la caldaia è in condizioni ottimali - spiega Lauro Prati, Presidente di Aqua Italia - ma negli impianti sono presenti depositi di calcare e fanghi, l'efficienza termica ed energetica ne risentirà molto. Se i termosifoni sono caldi per metà a causa della presenza di depositi si avrà una barriera allo scambio termico e quindi sarà necessario tenerli accesi più del dovuto per ottenere la temperatura desiderata".


Per la messa a punto sono necessari interventi poco invasivi come la filtrazione, il condizionamento chimico e l'addolcimento. Con il trattamento dell'acqua è possibile un recupero di efficienza delle caldaie tra il 15 e il 17% all'anno cui aggiungere il 5-6% sul circuito di riscaldamento.


"Se poi, - aggiunge Prati - nel circuito di acqua sanitaria vi è depositato del calcare, anch'esso isolante termico, sarà necessario tenere accesa per più tempo la caldaia per portare l'acqua alla temperatura desiderata: il risultato è un maggiore inquinamento e l'aumento dei costi per l'utente".


Trattare l'acqua domestica è una scelta vantaggiosa da più punti di vista poiché garantisce la diminuzione della dispersione di energia con un conseguente beneficio per l'ambiente e un sensibile risparmio economico: -20% sulla bolletta dell'energia (gas e luce).




  © 2009/2020 MERCATO TOTALE - P.I. 09395420012 Home Page | Contattaci | Newsletter | Privacy policy | Cookie policy   
Powered by www.webarea.it