Utilizziamo i cookie per abilitare e migliorare le funzionalita' del sito web, servire contenuti per voi piu' pertinenti. E' possibile rivedere la nostra privacy policy cliccando qui e la nostra cookie policy cliccando qui.
Se chiudi questo avviso, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per modificare le impostazioni dei cookies clicca qui



ultimo aggiornamento 29/02/2024 ore 20:06




pagina precedente

21 Marzo 2023
Ezio GALLI confermato alla guida della FME fino al 2026

scarica foto
Ezio Galli è stato confermato alla presidenza della FME. La votazione, on line, si è svolta da questa mattina fino alle 17 quando è stata chiusa l'urna virtuale alla quale le 59 aziende aderenti alla federazione avenhti diritto al voto hanno fatto pervenire via mail le loro preferenze. Le aziende avevano un potere di voto differente tra loro, erano divise in quattro gruppi (per fatturato) per un totale di 139 voti.
Galli darà quindi vita al terzo mandato, la sua è stata una vittoria semplice, in quanto non c'era concorrenza. Ci sono novità invece in consiglio. Il nuovo gruppo di lavoro che collaborerà con Galli appare più forte e meglio rappresentativo della realtà della distribuzione elettrica. I nomi nuovi sono quelli di Marco Brunetti (Sacchi) e Luca Marigliano (Megawatt). New entry anche per Domenico Caldera della CIEB.
Il consiglio (che nella prima riunione eleggerà il vicepresidente) sarà composto, oltre che dai già citati Brunetti, Marigliano e Caldera, da Sergio Novello (Sonepar Italia), Paolo Ferrari (Comoli Ferrari), Leonardo Giaffreda (MEF), Fabrizio Borghini (Borghini), Rudi Marconi (Elfi), Luca Zaghini (in rappresentanza di Marchiol).

Andiamo ora a curiosare sulle coperture che si avranno con questo consiglio, cominciando da quella geografica.
Il Sud, che lamentava poca considerazione in passato, ora sarà rappresentato dalle due più grandi aziende nazionali e cioè Megawatt (con i vari brand campani, Acmei) e da Sonepar Italia.
Ben rappresentato il Centro, oltre che dai soliti Megawatt (Edif, Elettrolazio) e Sonepar, da Borghini (Roma), da Giaffreda che con Mef è in Umbria, Emilia, Lazio e ovviamente Toscana, e da Marconi (Elfi). E poi il Nord a fare come al solito la parte del leone con tutti gli altri.
Se analizziamo il consiglio per la grandezza delle aziende dobbiamo sottoineare come medi e piccoli avranno la loro voce, cominciando dalla presenza del presidente Galli, per continuare con Marconi, Borghini e Caldera. La presenza di Sonepar, Sacchi, Megawatt e Comoli, oltre che Mef e Marchiol porta il conto dei fatturati a una cifra che non sfiora la totalità ma ci va abbastanza vicina.


Nel frattempo sono stati nominati i componenti del collegio probiviri che sono i dottori Alessandro Delle Cese, Giannunzio Corazza e Luigino Toniolo; ed il revisore dei conti che sarà Sergio Saiani.
Galli, che vivrà così il terzo mandato consecutivo, sarà in carica fino al 2026. Nella prima riunione del nuovo consiglio sarà eletto il vicepresidente ma, molto importante, saranno anche nominati i rappresentanti della FME nel cda di Metel. E, particolare di ulteriore rilievo, sarà stabilito chi tra loro sarà il nuovo presidente di Metel, visto che sulla massima poltrona dell'azienda diretta da Giorgio Casanova siederà un rappresentante dei distributori.



  © 2009/2024 MERCATO TOTALE - P.I. 09395420012 Home Page | Contattaci | Newsletter | Privacy policy | Cookie policy   
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino, n.8 dell'11/02/2021 Powered by www.webarea.it