Utilizziamo i cookie per abilitare e migliorare le funzionalita' del sito web, servire contenuti per voi piu' pertinenti. E' possibile rivedere la nostra privacy policy cliccando qui e la nostra cookie policy cliccando qui.
Se chiudi questo avviso, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per modificare le impostazioni dei cookies clicca qui



ultimo aggiornamento 23/07/2024 ore 00:02




pagina precedente

17 Ottobre 2023
"Energia in cooperativa": Banco dell'energia promuove un intervento di efficientamento energetico a favore del Villaggio Barona di Milano, il primo progetto di Social Housing in Italia

Comunicato stampa 


"Energia in cooperativa": Banco dell'energia promuove un intervento di efficientamento energetico a favore del Villaggio Barona di Milano

L'iniziativa, che prevede un nuovo impianto d'illuminazione alimentato da energia fotovoltaica per il giardino comunitario "Milano Green Way", colonnine di ricarica elettriche e percorsi di educazione al risparmio energetico, andrà a beneficio degli ospiti del Villaggio Barona, persone che vivono condizioni di svantaggio sociale dal punto di vista fisico, psichico e socio-economico, e dell'intera cittadinanza


La Fondazione Banco dell'energia - l'ente filantropico nato per sostenere le famiglie che si trovano in una situazione di vulnerabilità economica e sociale con un focus sulla povertà energetica - porta a Milano "Energia in cooperativa", l'iniziativa che ha portato alla realizzazione di un intervento di efficientamento energetico a favore del primo progetto di Social Housing in Italia, il Villaggio Barona, realizzato dalla Fondazione Attilio e Teresa Cassoni e sede delle due Cooperative Sociali Opera in Fiore e Officina dell'Abitare, che danno lavoro a persone svantaggiate, disabili, carcerati e migranti. Il progetto è coordinato da Banco dell'energia e realizzato in collaborazione con Fondazione AEM, Signify, e A2A Illuminazione Pubblica.

Un nuovo impianto d'illuminazione per "Milano Green Way" - il giardino comunitario del Villaggio Barona, dove detenuti in permesso, rifugiati, persone con disabilità e residenti si prendono cura del verde e possono usufruire di orti sociali, fattoria didattica, laboratori didattici e tante altre attività aggregative - e due nuove colonnine di ricarica elettriche che permetteranno alla Fondazione Cassoni e alle Cooperative Sociali di rinnovare il parco auto usato dai soci lavoratori, ma anche percorsi di formazione al risparmio ed efficientamento energetico rivolti ai residenti del Villaggio Barona e aperti all'intera cittadinanza per diffondere una cultura del risparmio energetico e contribuire alla riduzione dei consumi: questi i risultati dell'iniziativa che intende promuovere la sostenibilità ambientale e la transizione energetica.

L'obiettivo è quello di contrastare la povertà energetica e la vulnerabilità economica e sociale - problemi aggravatisi con l'emergenza sanitaria legata alla diffusione del SARS-CoV-2, le tensioni geopolitiche internazionali e l'incremento dei prezzi energetici - offrendo un immediato miglioramento delle condizioni di vita a persone che già vivono situazioni di grave difficoltà, per evitare che sempre maggiori quote di popolazione scivolino in povertà. Un'urgenza che nasce in risposta a numeri preoccupanti: secondo i dati Istat 2021, il 7,5% delle famiglie italiane vive in povertà assoluta (con un andamento tendenzialmente crescente negli ultimi 15 anni) e cioè non ha risorse sufficienti per accedere a un paniere minimo di beni e servizi essenziali. Una condizione di precarietà che minaccia di espandersi sempre di più: il rischio di povertà o esclusione sociale riguarda infatti circa un italiano su quattro (25,4%). E rispetto al fenomeno della povertà energetica - che oggi, rileva l'OIPE, coinvolge ben l'8,5% delle famiglie italiane e il 5,3% dei nuclei in Lombardia - pure si rileva la medesima tendenza a un'incidenza crescente.

Condizioni pregresse di vulnerabilità rischiano di scatenare un effetto domino - sia su scala individuale che sociale - che può portare alla diffusione del fenomeno o a un suo inasprimento. Con questa consapevolezza il Banco dell'energia, in collaborazione con Fondazione AEM, Signify, e A2A Illuminazione Pubblica, ha dato il via a "Energia in cooperativa", sulla scia del progetto gemello "Energia in periferia", con l'obiettivo di contrastare la povertà energetica attraverso interventi strutturali che abbiano un impatto di medio e lungo e termine.

Il Villaggio Barona, destinatario del progetto, è il primo esperimento di social housing in Italia, a cui anche il Comune di Milano ha dato rilievo in quanto grande esempio di sostenibilità e di riqualificazione di una zona periferica degradata della città, nato su iniziativa della Fondazione Attilio e Teresa Cassoni, con la mission di garantire un alloggio dignitoso a persone che vivono condizioni di svantaggio sociale dal punto di vista fisico, psichico, economico, sociale o familiare. In particolare, il Villaggio ospita le Cooperative Sociali Opera in fiore, che tra l'altro ha creato "Borseggi", la sartoria nel carcere maschile di Milano-Opera, e che gestisce il Giardino "Milano Green Way", e Officina dell'abitare, che offre lavoro a circa 100 persone, di cui il 90% appartenente a categorie protette.

"Un'iniziativa rilevante sia per gli interventi di efficientamento realizzati a favore del quartiere e dell'intera comunità del villaggio Barona sia dal punto di vista della formazione con la realizzazione di percorsi di apprendimento su come consumare meno e meglio l'energia elettrica", dichiara Pierfrancesco Maran, assessore alla Casa e al Piano Quartieri del Comune di Milano. "Si tratta di misure utili non solo per aiutare le famiglie a mettere in atto comportamenti virtuosi ma anche a sostenere una realtà come il Villaggio Barona che ha fatto della solidarietà il suo cuore pulsante".

"Come Banco dell'energia abbiamo cominciato la nostra attività a sostegno dei più vulnerabili proprio qui a Milano e con questa iniziativa rafforziamo il nostro legame con la Città". Così ha commentato Alberto Martinelli, Presidente del Banco dell'energia e Fondazione AEM "Con "Energia in Cooperativa" allarghiamo il nostro raggio di azione, andando oltre al sostegno economico alle famiglie fragili, migliorando l'illuminazione del giardino comunitario a favore di tutti gli abitanti del quartiere e donando colonnine elettriche per le attività delle Cooperative Sociali presenti. L'obiettivo è rendere l'accesso all'energia sempre più inclusivo e a beneficio della Comunità. Ringrazio tutti i partner che hanno contribuito a rendere possibile questa iniziativa e il Comune di Milano per il sostegno, auspicando che modelli di sinergia come questo possano essere replicati in altri contesti."

"Nel corso degli ultimi anni, abbiamo assistito ad un profondo cambiamento del concetto di illuminazione, acquisendo la consapevolezza dell'impatto fondamentale che la luce ha nella vita delle persone, soprattutto a livello biologico ed emotivo" Ha dichiarato Federico Mauri, Direttore Generale di A2A Illuminazione Pubblica "Per questo oggi, come "Life Company" concepiamo l'illuminazione pubblica come uno strumento al servizio del benessere delle comunità, privilegiando la centralità della persona, in qualunque condizione e contesto si trovi, obiettivi alla base del Progetto "Energia in Cooperativa" cui abbiamo aderito con convinzione ed entusiasmo"

"Ogni giorno ci impegniamo a migliorare la vita delle persone e aiutare il pianeta attraverso l'illuminazione." Ha dichiarato Carlos Loscalzo, Amministratore Delegato di Signify Italia, Israele e Grecia. "Il progetto "Energia in Cooperativa" rappresenta per noi una ulteriore conferma del contributo che la luce può dare nei contesti di rigenerazione urbana, aumentando la fruibilità e la sicurezza degli spazi pubblici mediante l'utilizzo di energia sostenibile generata dalla luce solare."


Banco dell'energia Ente Filantropico è un ente senza scopo di lucro che ha l'obiettivo di raccogliere fondi per sostenere, attraverso il meccanismo della solidarietà indiretta, persone e famiglie in situazione di vulnerabilità economica e sociale, ponendo particolare attenzione al tema della povertà energetica. Dal 2016 Banco dell'energia ha raccolto e donato oltre 7 milioni di euro e aiutato più di 10.000 persone, operando attraverso interventi in sostegno di persone in difficoltà e iniziative formative e di sensibilizzazione per aumentare la cultura e la consapevolezza sui consumi e l'efficientamento energetico. Tra queste, il Manifesto "Insieme per contrastare le povertà energetica", a cui hanno aderito aziende, organizzazioni del terzo settore, associazioni e istituti di ricerca, network che garantisce la realizzazione di numerosi progetti di solidarietà su tutto il territorio nazionale

 

 




  © 2009/2024 MERCATO TOTALE - P.I. 09395420012 Home Page | Contattaci | Newsletter | Privacy policy | Cookie policy   
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino, n.8 dell'11/02/2021 Powered by www.webarea.it