Utilizziamo i cookie per abilitare e migliorare le funzionalita' del sito web, servire contenuti per voi piu' pertinenti. E' possibile rivedere la nostra privacy policy cliccando qui e la nostra cookie policy cliccando qui.
Se chiudi questo avviso, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per modificare le impostazioni dei cookies clicca qui



ultimo aggiornamento 22/05/2024 ore 08:25




pagina precedente

10 Maggio 2024
ANGAISA commenta i provvedimenti preannunciati dal Governo

scarica foto

Comunicazione ANGAISA 


ANGAISA commenta i provvedimenti preannunciati dal Governo


Superbonus in 10 anni, no a norme retroattive

È necessario garantire certezze e fiducia alle imprese

Lo "tsunami Superbonus" continua a fare discutere e a suscitare grandi preoccupazioni per il presente e il futuro del comparto edilizio, che aveva finora fatto affidamento su norme e modalità applicative ritenute certe e immodificabili.
Le recentissime anticipazioni del Ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti, legate all'obbligo di spalmare i crediti fiscali su 10 anni anziché 4 o 5, sono state accompagnate da una serie di illazioni sulla possibilità che il Governo voglia introdurre questa disposizione con efficacia retroattiva, andando a toccare anche i crediti già maturati da aziende, operatori professionali e banche.

 

 

Con effetti estremamente negativi per i loro bilanci, accompagnati da un vero e proprio "colpo mortale" (forse definitivo) alla fiducia nello Stato e nella certezza del diritto. Si tratta di misure che, come denuncia ANGAISA (l'associazione dei distributori idrotermosanitari, aderente a Confcommercio e socio aggregato di Federcostruzioni), sono state preannunciate in una situazione di mercato già estremamente complessa, caratterizzata da una vera e propria fase recessiva che sembra destinata a protrarsi anche nei prossimi mesi.

 

"Sono decine di migliaia le imprese e i posti di lavoro a rischio - commenta il Presidente di ANGAISA Maurizio Lo Re - e certamente le nuove misure preannunciate dal Governo non contribuiranno a rasserenare gli animi. Il Superbonus aveva ormai da tempo perso il suo effetto trainante; quella che va scongiurata a qualunque costo è l'introduzione di norme retroattive che possano mettere in discussione i diritti già acquisiti, anche con riferimento all'anno in corso. Comprendiamo perfettamente la necessità di salvaguardare i conti pubblici: ma questo obiettivo non può essere perseguito a discapito degli equilibri economico-finanziari delle nostre aziende. Rischiamo di andare incontro a un nuovo devastante corto circuito per l'intero
comparto edilizio".


Per saperne di pi su ANGAISA

facebooktwitteryoutubeinstagramlinkedin


  © 2009/2024 MERCATO TOTALE - P.I. 09395420012 Home Page | Contattaci | Newsletter | Privacy policy | Cookie policy   
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino, n.8 dell'11/02/2021 Powered by www.webarea.it